Be Your Hero – Il primo campus di Soft Skills!

[Art+Science+Society]

In un panorama in continua trasformazione cresce il bisogno di fornire strumenti adeguati alle/agli adolescenti per gestire questi tempi complessi.
Da questa convinzione ha preso vita una nuova esperienza formativa che dal 3 al 6 giugno ha guidato 50 giovani tra i 14 e i 19 anni tra sport e arte in un percorso di allenamento interattivo fisico e mentale per stimolare e rafforzare le loro competenze personali e relazionali.

 

Be Your Hero” è un campus inedito, sviluppato e curato da Sineglossa per il Comune di Corinaldo, città della provincia di Ancona tra i Borghi più belli d’Italia, recentemente nota anche per la tragedia della discoteca “Lanterna Azzurra” L’iniziativa nasce come un’occasione unica per invertire la narrazione di un luogo da scenario di un fatto di cronaca a nuovo palcoscenico di opportunità per giovani.

 

Il progetto si è esplicato attraverso due attività parallele e complementari:

  • THE SPOT > un workshop tenuto dagli street artist internazionali Biancoshock e Rub Kandy con l3 ragazz3 della scuola secondaria di primo grado “Guido degli Sforza” di Corinaldo, sulla rappresentazione delle loro paure e dei loro limiti sfociato nell’opera di poster art affissa su un cantiere del centro storico del paese.
    Tale iniziativa si inseriva nella programmazione dell’omonimo festival per il quale gli artisti, in contemporanea alla scuola, hanno realizzato la propria opera sul concetto di sicurezza e responsabilità: proprio il 6 giugno, infatti, sono state inaugurate tre grandi billboards all’esterno del nuovo palazzetto dello sport di Corinaldo. 

 

  • Il CAMPUS > la summer school vera e propria, la cui metodologia si basa sul binomio soft skills/sport. La componente sportiva si fonda sull’ ADD (Art du Déplacement), la disciplina non competitiva che consiste nell’eseguire un percorso naturale o urbano superando qualsiasi ostacolo con il solo movimento del corpo; mentre quella relativa alle soft skills trae le mosse dagli archetipi junghiani, i “modelli di personalità” elaborati dallo psicoanalista Carl Gustav Jung, interpretati qui in chiave ludico-narrativa.

 

Struttura del campus

Mattina: allenamento fisico – guidat3 dai trainer ADD Laurent Piemontesi, Andrea Pierini, Roxana Cannio, Niccolò Bertolà e Francesco Ceccarelli – attraverso cui “si impara a valutare i pericoli e ad affrontare gli ostacoli gestendo la paura e lo stress”. 

Pomeriggio: momento di analisi e riflessione, durante il quale si individuano gli obiettivi di “conquista” del giorno successivo fissandoli su un diario . Questa fase è stata condotta da Alessia Tripaldi, coordinatrice e docente del progetto, formatrice certificata e scrittrice, ideatrice della metodologia Archetipi & Soft Skills, coadiuvata da Alessia Racci Chini, Laura De Carlo, Tommaso Sorichetti, Fabio Ambrosini e Gianluca Budini. 

 

Obiettivo del gioco è la conquista graduale delle spillette che rappresentano i quattro “superpoteri”: l’Angelo Custode – con cui sviluppare la propria empatia -, l’Esploratrice – legata alla curiosità -, il Guerriero – collegato alla propria forza interiore – e la Saggia – definita dalla sua consapevolezza -. 

L’Edizione Zero di Be Your Hero da poco conclusa anticipa  la prima edizione nazionale che sarà aperta a tutti l3 ragazz3 di Italia, programmata per l’autunno 2021, sempre  a Corinaldo.

 

Iscriviti qui alla newsletter per conoscere in anteprima cosa succederà!

Visita qui il sito dedicato al progetto!

Scorri le storie in evidenza sul nostro profilo IG per rivivere le emozioni del campus 

Guarda l’emozionante diretta dell’evento finale di domenica 6 giugno trasmessa da Italia Che Cambia!

 

Il progetto Be Your Hero è finanziato nel quadro di Azione ProvincEgiovani, iniziativa promossa dall’UPI e finanziata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le politiche giovanili ed il Servizio Civile Universale – Capofila Provincia di Ancona, con il patrocinio dell’Agenzia Nazionale per i Giovani. 

The Spot è sostenuto dalla Regione Marche – Assessorato Beni e attività Culturali. 

Al progetto hanno partecipato l3 studenti dell’Istituto di Istruzione Superiore Savoia Benincasa di Ancona, il Liceo Scientifico Medi di Senigallia e il Liceo Perticari di Senigallia. 

Category
Progetto