Frontignano Art Walks 

Architetti e comunità locali per realizzare un itinerario di land art nei Monti Sibillini

[Art+Walks]

La visione

Il progetto Frontignano Art Walks nasce dalla volontà di ribaltare la prospettiva consolatoria della montagna come luogo in cui rifugiarsi per scampare allo stress delle metropoli consegnando alle aree interne un ruolo autonomo e non ancillare. Ma anche dal desiderio di proseguire il lavoro svolto con la comunità e con l’associazione C.A.S.A. Cosa Accade Se Abitiamo per la creazione della guida Nonturismo dedicata a Ussita

Abbiamo scelto i Monti Sibillini come luogo in cui far maturare nuove visioni e opportunità sul tema dell’abitare perché sono speciali: oltre a essere un’area interna, difficilmente raggiungibile, e una ‘terra alta’, sono anche zona sismica, come tutti ancora ricordiamo dal terremoto del 2017. Queste caratteristiche ‘estreme’ rendono Frontignano – una frazione a 1400 metri sopra il livello del mare in provincia di Macerata – un osservatorio unico per ripensare le modalità di relazione tra l’uomo e la natura, in ottica di nuovi modelli di co-esistenza che superino le modalità di sfruttamento dell’ambiente che abbiamo imparato a conoscere nell’Antropocene. 

 

Gli obiettivi e le ricadute

Frontignano Art Walks porterà alla realizzazione di un itinerario di land art per ricostruire il senso dell’abitare le Terre Alte. Queste installazioni nasceranno da un cantiere di ideazione e produzione partecipata, guidato dal  collettivo di architetti orizzontale e in cui sono stati già coinvolti vecchi e nuovi abitanti, artigiani locali, il Comune di Ussita, l’Ente Parco, il Dipartimento di Sismologia dell’Università di Camerino.

Con Frontignano Art Walks non intendiamo, però, realizzare solamente delle opere d’arte: vogliamo che queste opere siano dei veri e propri totem – intorno ai quali si possano riunire i cittadini, i turisti e un pionieristico gruppo di esperti provenienti dalla botanica, dall’economia, dalla filosofia, dall’architettura, dalla sismologia – che scatenino il necessario stupore per fare emergere modelli gentili e rispettosi di tutti gli attori coinvolti, e per questo dirompenti.

 

Questi pensieri avranno una ricaduta a terra nella creazione di proposte turistiche destinate a viaggiatori e barbari, desiderosi di esplorare una terra selvatica e viva per conoscere meglio se stessi. Soprattutto in un territorio colpito dal sisma, che ha l’occasione di pensare radicalmente il suo futuro, è importante mantenere una relazione con la propria storia, sostenendo i processi di sviluppo culturale, fondamentali per un territorio a forte vocazione turistica e dove i margini di sviluppo del settore (soprattutto per un turismo responsabile e di qualità) sono molto elevati.

 

Le fasi del progetto

  • Prima residenza del collettivo di architetti orizzontale: 28 aprile – 1 maggio, Frontignano di Ussita.
  • Seconda residenza del collettivo di architetti orizzontale: 4 – 10 luglio 2022, Frontignano di Ussita.
  • Cantiere collettivo per la costruzione dell’installazione co-progettata: settembre, Frontignano di Ussita.
  • Inaugurazione degli itinerari di land art e presentazione pubblica del progetto: 15 – 16 ottobre 2022, Frontignano di Ussita

 

Per approfondire

Visita www.frontignanoartwalks.it per scoprire le qualità dell’Abitare le Terre Alte e raggiungere le opere a partire da ottobre 2022.

 


Frontignano Art Walks è un progetto di Sineglossa, in partenariato con BAM! Strategie Culturali e Go World, in collaborazione con C.A.S.A. Cosa Accade Se Abitiamo, con il supporto di Comune di Ussita, Ente Parco Nazionale dei Monti Sibillini, Università di Camerino, Geomore, AITR Associazione Italiana del Turismo Responsabile, Go In Italy. Il progetto è cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo regionale, nel quadro del POR FESR MARCHE 2014/2020.

Category
Progetto